Correzione fraterna

La correction fraternelle – homélie du 10 septembre 2017 ...

Gesù non parlava esclusivamente (in parabola) alle folle e ai suoi discepoli, a volte usava un linguaggio chiaro e diretto. Si rivolge oggi a ciascuno di noi come agli scribi e ai farisei del vangelo di questa mattina: “Smettila di pensare che non so chi sei, non temere vieni, Dio ti ama”. Le buone critiche sono un messaggio d’amore, una chiamata alla vita.

Insegnaci Signore a scoprirti vivendo in un dialogo permanente e sincero anche nei momenti difficili, ad avere il coraggio di affrontare come te le questioni a volte delicate della nostra esistenza e delle nostre relazioni, con amore e verità, per ricucire il nostro fragile tessuto sociale spesso strappato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...