Il mio rapporto con l’altro

SudOnLine - Le Portail de Sud Quotidien SENEGAL | «Chrétiens et ...

La vicenda dell’opinione pubblica italiana che si sta ribellando contro la conversione all’islam della giovane ex ostaggio recentemente tornato all’ovile dà spunti di riflessione.

Le domande che mi vengono in mente in questa spiacevole circostanza non sono né demografiche, nel senso del rapporto tra minoranza e maggioranza, né relative alla pace sociale, cosa che gli uomini sensibili non cessano di evocare e invocare . Il problema è diverso ed è triste vederlo.

Abbiamo mica finito i compiti nostri per dedicare tempo a ciò che sono e fanno gli altri ? È tutto così chiaro con noi ? Cosa dire delle nostre incomprensioni, i nostri dubbi, le nostre delusioni, le nostre incoerenze, i nostri limiti, i nostri scontri, le nostre bugie, le nostre ipocrisie, i nostri cattivi pensieri e azioni, ecc. ? • Non sarebbe una occasione per rendere la vita e il dialogo più aperti, più schietti e più sinceri nelle nostre famiglie, nelle nostre comunità, nelle nostre parrocchie, nelle nostre diocesi, nella nostra chiesa? • È giusto divertirci dei i problemi personali e sensibili degli altri mentre non vorremmo che i nostri fossero esposti in piazza? Sappiamo congratularci con gli altri (non cristiani) per le loro buone iniziative e azioni ? • Non dovremmo tornare a Cristo e imparare ad amare pregando insieme e l’uno per l’altro?

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...